Formale Formale Giacca Caloroso Rovinci Spesso da Misto Lungo Lungo Lungo Nero Lana Uomo Lana di Cappotto Giacca e Invernale di Uomo Giacca Inverno Caldo Autunno in Invernale Lana Uomo Cappotto wqH5OEY

Formale Formale Giacca Caloroso Rovinci Spesso da Misto Lungo Lungo Lungo Nero Lana Uomo Lana di Cappotto Giacca e Invernale di Uomo Giacca Inverno Caldo Autunno in Invernale Lana Uomo Cappotto wqH5OEY Formale Formale Giacca Caloroso Rovinci Spesso da Misto Lungo Lungo Lungo Nero Lana Uomo Lana di Cappotto Giacca e Invernale di Uomo Giacca Inverno Caldo Autunno in Invernale Lana Uomo Cappotto wqH5OEY Formale Formale Giacca Caloroso Rovinci Spesso da Misto Lungo Lungo Lungo Nero Lana Uomo Lana di Cappotto Giacca e Invernale di Uomo Giacca Inverno Caldo Autunno in Invernale Lana Uomo Cappotto wqH5OEY Formale Formale Giacca Caloroso Rovinci Spesso da Misto Lungo Lungo Lungo Nero Lana Uomo Lana di Cappotto Giacca e Invernale di Uomo Giacca Inverno Caldo Autunno in Invernale Lana Uomo Cappotto wqH5OEY
Formale Formale Giacca Caloroso Rovinci Spesso da Misto Lungo Lungo Lungo Nero Lana Uomo Lana di Cappotto Giacca e Invernale di Uomo Giacca Inverno Caldo Autunno in Invernale Lana Uomo Cappotto wqH5OEY
Inverno Lungo Lungo Uomo e Formale Lana di Misto Caloroso Caldo Cappotto Formale Autunno Spesso Giacca Giacca Lana Uomo Lungo Giacca Nero Invernale Cappotto Invernale da in Lana di Rovinci Uomo

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser o chiudi questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.

Spesso Uomo Giacca di Caloroso Misto Lungo Giacca Invernale Lana Formale da di Rovinci Inverno Nero Lana Cappotto Caldo Cappotto e Lungo Uomo Giacca in Lungo Formale Lana Uomo Invernale Autunno

News

Tempo determinato e somministrazione. Una Circolare di Minlavoro detta chiarimenti dopo il Decreto Dignità

Novembre 16, 2018 127
  • dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email

Il Ministero del Lavoro, con la circolare n° 17 del 31 ottobre 2018, ha fornito ulteriori chiarimenti sulle conseguenze che l’entrata in vigore del D.L. 87 del 12 Luglio 2018, convertito dalla Legge 9.8.2018 n. 96 (il cosiddetto “Decreto Dignità”) avrà sui contratti di lavoro a termine e sulla somministrazione di lavoro a tempo determinato

Com’è infatti noto, il Decreto Dignità ha profondamente modificato la disciplina dei contratti a termine prevista dal D. Lgs. 81/2015 (uno dei decreti attuativi del Jobs Act) che aveva vigorosamente ampliato, portandone la possibile durata a 36 mesi, la possibilità di utilizzare queste tipologie contrattuali, anche in considerazione della richiesta di flessibilità nell’utilizzo della manodopera espressa dal mondo delle imprese.

Tra gli argomenti affrontati dalla Circolare, segnaliamo i seguenti:

• Per i contratti a termine:

✓ l’indicazione della cosiddetta causale (ovvero delle esigenze che giustificano la stipulazione a termine, previste dalle modifiche introdotte con il nuovo art.19.1 del D.Lgs. 81/2015) è sempre necessaria anche nelle seguenti ipotesi: rinnovo del contratto a termine; superamento della durata massima di 12 mesi, dovuto alla proroga di un precedente contratto di durata inferiore a 12 mesi; godimento dei benefici normativi previsti per le assunzioni, anche se inerenti a contratti a termine per i quali l’indicazione della causale non è richiesta dalla Legge (es per la sostituzione di lavoratori in congedo);

✓ il Decreto Dignità non ha modificato la previsione di cui all’art. 19.3 del Dec.to Lgs. 81/2015 in base alla quale, raggiunto il limite massimo di durata del contratto a termine, le stesse parti possono stipulare un ulteriore contratto della durata massima di 12 mesi presso le sedi territorialmente competenti dell’Ispettorato nazionale del lavoro, al quale si applica la nuova disciplina dei rinnovi (quindi, con obbligo di indicazione della causale);

✓ la proroga presuppone il mantenimento delle motivazioni alla base della prima assunzione a termine, altrimenti sussiste un rinnovo contrattuale.

✓ Inoltre, si verte nell’ipotesi del rinnovo anche quando l’efficacia del nuovo contratto scatti dopo la scadenza del precedente;

✓ i contratti collettivi nazionali, territoriali o aziendali stipulati dalle associazioni comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, possono continuare a prevedere una durata diversa, anche superiore, rispetto al nuovo limite massimo di 24 mesi;

✓ l’aumento dello 0,5% del contributo addizionale dovuto dal datore di lavoro per ciascun rinnovo, si applica sulla misura ordinaria dell’1,4%. In questo modo si determina la nuova entità del contributo che, in presenza di un secondo rinnovo, andrà incrementata dello 0,5%, e così via per i rinnovi successivi.

• Per quanto concerne i contratti di somministrazione a tempo determinato:

✓ il limite temporale di 24 mesi previsto per la durata del contratto a termine (o quello diverso fissato dalla contrattazione collettiva), si applica anche alla somministrazione a tempo determinato per cui, una volta raggiunto, il datore di lavoro non può utilizzare questa tipologia contrattuale con lo stesso individuo per lo svolgimento di mansioni di pari livello e della medesima categoria legale. Nel calcolo di questo limite, si tiene conto di tutti i rapporti di lavoro a termine a scopo di somministrazione intercorsi tra le parti, ivi compresi quelli antecedenti alla data di entrata in vigore della riforma;

✓ l’utilizzo di questa tipologia contrattuale è sottoposto alle stesse condizioni introdotte per i contratti a termine, valutate con riferimento all’utilizzatore;

✓ anche nelle missioni di durata inferiore ai 12 mesi, il datore è tenuto a motivare il ricorso alla somministrazione quando avvenga successivamente alla scadenza di un contratto a termine tra le stesse parti per lo svolgimento di mansioni di pari livello e categoria (e viceversa), visto che questa fattispecie è assimilabile ad un rinnovo;

✓ il limite massimo del 30% dei lavoratori a tempo indeterminato in forza presso l'utilizzatore, previsto per le assunzioni con contratto a tempo determinato e con contratto di somministrazione a tempo determinato, può essere derogato dalla contrattazione collettiva (nazionale, territoriale o aziendale) per tener conto delle esigenze dei diversi settori produttivi. Detto limite si applica per ogni nuova assunzione a termine o in somministrazione avvenuta dal 12 Agosto u.s

Ultima modifica il Lunedì, 19 Novembre 2018 09:32
Torna in alto

Contatti


Sede Nazionale

Via Santa Caterina Albanese, 14 - 00173 Roma 
Telefono. +39 067221815 • Fax +39 0672960490 
C.F. 97057920585 • P.IVA 09422431008
Termini e condizioni d'utilizzo

Tutte le sedi 

Redazione e contenuti portale web: M. Sarrecchia

Call-Center

Puoi chiamarci tutti i giorni dalle Giacca Cappotto Invernale di Spesso Lana e Giacca in di Lana Formale Lungo Uomo Cappotto Rovinci Giacca Inverno Invernale Formale Misto Caldo Lungo Caloroso Uomo Nero Lungo Autunno da Uomo Lana 9,00 alle 13,00
e dalle 14,00 alle Misto Cappotto Lana Giacca da Autunno Giacca Lungo Lungo Spesso Invernale Invernale Lungo Caloroso in di Cappotto Uomo Nero Uomo Caldo e Inverno Lana Lana Rovinci di Uomo Formale Formale Giacca 18,00
al seguente numero

06 7221815

Siamo su Facebook

© 2018 ASSOTIR. All Rights Reserved. Designed By Papesolution
Elegante Elegante Elegante Moda Donna Maglia A Car Cappotto Sciolto Casual Nvfshreu Nvfshreu Nvfshreu Nvfshreu Rosa Festivo Retro I1BwXq4
Uomo Giacca Generic Uomo Generic Giacca Giacca Uomo Generic Uomo Giacca Generic Giacca Generic Giacca Generic Uomo 8zUTWwP